Review di Google Play Store

Google Play Store è l’applicazione sviluppata da Google per la commercializzazione e la diffusione di app e contenuti. Probabilmente si tratta dell’applicazione più utilizzata in assoluto da chi possiede un dispositivo Android o un suo emulatore. Volete sapere qualcosa di più su questo mercato multimediale? 

Play Store nasce nel 2008 e da quel momento non ha fatto altro che crescere, in termini di quantità di contenuti e di utenti attivi. Inizialmente Play Store si chiamava Android Market ed era dedicato solamente a giochi ed applicazioni. Successivamente la gamma di contenuti è andata ampliandosi integrando libri, riviste, musica, video e serie Tv.

Per comprendere l’importanza di questa piattaforma, diamo un’occhiata ai suoi numeri.

Sapete quante applicazioni disponibili per il download ci sono su Play Store? Più di 3 milioni e mezzo. E i download di applicazioni e di giochi superano i 7 miliardi.

Esistono contenuti a pagamento, ma la maggior parte delle applicazioni sono disponibili gratuitamente. Rispetto ai principali concorrenti Play Store si distingue per volume di download ma questo non significa che sia anche la prima in termini di incassi. Il primato per quanto riguarda il fatturato appartiene ad AppStore, il mercato multimediale di Apple.

Giusto per avere un’idea delle cifre movimentate, nel primo semestre del 2021 gli utenti di Play Store hanno speso circa 12 miliardi di dollari per acquistare app e giochi, mentre gli utenti di App Store, nonostante il volume di download sia più o meno la metà, hanno superato i 22 miliardi di dollari spesi. 

Play Store è semplicissimo da utilizzare e ancora più semplice da configurare. Normalmente si trova preinstallato sui dispositivi Android. Basta avere un account Google e inserire le credenziali all’avvio dell’applicazione.

Navigando all’interno delle categorie proposte, a seconda dei nostri interessi, possiamo pigiare sull’icona dell’applicazione che ci interessa e selezionare l’opzione Scarica e quindi Installa.

Al termine dell’installazione troveremo l’icona dell’applicazione scaricata sul nostro schermo. Le applicazioni si possono installare direttamente sulla memoria del telefono oppure, se il dispositivo ne è provvisto, su una scheda SD. 

Cosa possiamo trovare all’interno di Play Store?

Sezioni Play Store

Vediamo insieme le categorie dei prodotti:

  • Giochi. Play Store ci suggerisce contenuti in base alle scelte effettuate in precedenza. Quindi se abbiamo scaricato rompicapi e sudoku, probabilmente ci verranno proposti giochi della stessa tipologia. L’algoritmo che gestisce i suggerimenti di Google Play tiene conto di moltissimi fattori sociali e statistici, per offrire agli utenti una selezione di prodotti affini al profilo di navigazione.

Il download della maggior parte dei giochi è totalmente gratuito. Alcuni, all’interno dell’applicazione, offrono dei contenuti extra che si possono utilizzare a pagamento.  Su Play Store si trovano giochi per tutti i gusti: d’azione, sparatutto, rompicapi, sudoku, enigmistica, strategia, carte, piattaforme interattive.

    • Applicazioni. Probabilmente esiste un’applicazione per qualunque utilità o argomento ci venga in mente. E se un’applicazione esiste la troveremo su Play Store. Shopping online, applicazioni sociali, moda e tendenze, mappe tematiche, viaggi, salute e benessere, notizie, creatività. Anche in questo caso la maggior parte sono disponibili gratuitamente.
    • Film. In questa sezione i contenuti non sono distribuiti a titolo gratuito. I titoli spaziano tra tutte le categorie di film: azione, per famiglie, commedia, animazione, documentari, horror. Basta scaricare il contenuto che ci interessa e potremo vederlo offline su qualunque dispositivo.
    • Libri. La libreria di Google Play comprende un’ampia gamma di ebook e audiolibri, gratuiti o a pagamento. Tante categorie e vasta scelta di titoli che accontentano anche i lettori più esigenti.
    • Musica. Qui, oltre a poter acquistare brani e album, è possibile abbonarsi per accedere all’intera collezione, con la stessa dinamica di Spotify per intenderci.
    • Riviste. Nella sezione Edicola possiamo abbonarci a riviste digitali, seguire blog a pagamento e gratuiti e informarci su canali di notizie internazionali.

Tra tutti i contenuti proposti da Play Store, le categorie trainanti sono i giochi e le applicazioni sociali. Questo non dovrebbe stupirci particolarmente: basta pensare a come usiamo il nostro smartphone e quali sono le applicazioni a cui dedichiamo più attenzione e tempo libero. 

Grazie a Play Store il nostro smartphone diventa una miniera di informazioni, novità, tendenze, intrattenimento, spettacolo, arte, cultura, gastronomia, musica, educazione, scienza, impegno sociale, lavoro, finanza. Ora probabilmente vi risulterà più chiaro il motivo del grande successo di pubblico di questo servizio Google. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *